Seleziona una pagina

Metropoli LAB

“Laboratorio per una Generazione in corso d’opera”

UN LABORATORIO “DIFFUSO” PER PREPARARCI AL FUTURO.

NUOVI SCENARI IMPONGONO NUOVI APPROCCI

In un mondo dominato da continui cambiamenti non ci si può affidare a percorsi “standard o lineari” di sviluppo personale o di carriera, bensì diventa strategico un approccio multidisciplinare, che tenga conto di più aspetti per riuscire a costruirsi il proprio percorso personalizzato. Un percorso attraverso cui si possa “prendere a cuore”, con estrema responsabilità e intenzionalità, ciò che si fa, ponendo attenzione alle proprie scelte. In futuro saranno sempre più avvantaggiati coloro che orienteranno il proprio agire a seconda dei propri valori e obiettivi, e integrando efficacemente: conoscenze, competenze e capacità. In breve: avrà successo chi riuscirà ad indirizzare attivamente il proprio percorso e non lasciarsi condurre dagli eventi, dal caso, o dai condizionamenti esterni.

In questo contesto, Metropoli Lab si propone come “laboratorio diffuso” per mettere in circolo idee, metodi e consigli volti a incoraggiare le persone a prendere in mano la propria vita, diventando i protagonisti del proprio viaggio.

 

Spazio

Comunità

Laboratorio “diffuso”

Mutamenti climatici, innovazione tecnologica, sistemi interconnessi, crisi economiche, accelerazione dei processi… stanno avendo un forte impatto su di noi. Il mondo attuale si caratterizza sempre più come sistema complesso e interconnesso, dove l’agire di tutti noi è correlato a quello degli altri e dell’ambiente in cui viviamo. Questo contesto, così mutevole, risulta difficile da comprendere e genera diversi dubbi e incertezze.

Come possiamo fronteggiare i molteplici cambiamenti in atto nel sistema, senza essere disorientati?

In generale siamo tutti chiamati ad una maggiore responsabilità (istituzioni, cittadini, aziende, lavoratori, scuole, associazioni, famiglie, ecc…) e a riporre più attenzione alle decisioni da intraprendere, focalizzandoci a favore di una cultura inclusiva e sostenibile. Per il futuro sarà importante dotarsi di nuove competenze, maggiore sensibilità e ricercare maggiori occasioni di confronto, al fine di avviare processi che siano partecipativi e costruttivi. 

Spazio

Comunità

Strumenti e Contenuti

“L’incertezza è rivoluzionaria, perché passando lascia dietro di sé dei vuoti da riempire, ma soprattutto apre a nuove domande.”

Oscar De Montigny

“L’incertezza è rivoluzionaria, perché passando lascia dietro di sé dei vuoti da riempire, ma soprattutto apre a nuove domande.”

Oscar De Montigny

AD OGNUNO LA PROPRIA “ROAD MAP”

LE PREMESSE

Viviamo in particolare periodo storico caratterizzato da:

  • scenari sempre più complessi => esigono un cambio di paradigma.
  • incertezza nel futuro (genera sfiducia, soprattutto nei giovani) => sorge la necessità di sapersi orientare,
  • il cambiamento farà sempre più parte di noi (dobbiamo imparare a gestirlo per non subirne gli effetti) => richieste nuove competenze e nuovi approcci,
  • la velocità con cui la tecnologia si evolve => richiede una formazione costantemente aggiornata (per non essere impreparati),
  • siamo bombardati da un enorme flusso di informazioni, contenuti e opportunità => abbiamo bisogno di capire, filtrare e trattenere ciò che ha valore per noi,
  • l’essere sempre connessi => ci distrae, affievolisce la nostra attenzione facendoci perdere di vista i nostri reali obiettivi.

Per questi motivi se il mondo cambia con estrema velocità, anche noi dobbiamo ripensare al nostro “modo personale” di stare al mondo. In quest’ottica siamo dunque chiamati ad abbracciare il cambiamento e a gestire nuove sfide dotandoci di strumenti critici e nuovi approcci utili a sostenerne le trasformazioni in atto.

 

 

 

 

CAMBIO DI PARADIGMA: A PARTIRE DA NOI STESSI

In particolare emerge un nuovo bisogno di disegnare progetti di vita “personalizzati” capaci di tener conto delle aspettative-valori-caratteristiche di ognuno di noi, e di recuperare un senso più costruttivo della nostra esistenza. Un percorso che ci consenta di legare insieme e dare significato al tempo, a ciò che facciamo e alla ricerca di felicità. Raramente queste traiettorie sul nostro modo di condurre l’esistenza ci vengono insegnate in famiglia, o a scuola o in ambito lavorativo. Anche perché è un processo estremamente individuale e, come tale, dev’essere interamente incentrato su noi stessi e condotto da noi con MOTIVAZIONE, CONSAPEVOLEZZA, e DETERMINAZIONE.

Emerge chiaro, pertanto, che oggi più che in passato diventa strategico focalizzarci su di noi. Ognuno di noi è il centro nevralgico del proprio percorso di vita e di carriera, l’unico protagonista. Motivo per cui dobbiamo essere “noi” i veri decisori del nostro procedere, “noi” i veri conduttori del nostro viaggio. Poiché da noi dipendono le nostre decisioni, il nostro agire e quindi la nostra realizzazione. Nessuno più di noi, può incidere proattivamente sulle sorti del nostro percorso. Ad ognuno spetta intraprendere la propria strada, il proprio cammino e non una strada qualsiasi.

 

 

“La più grave delle trasgressioni umane? Il peccato dell’inconsapevolezza;
non essere all’erta, non essere completamente desti,
di fronte al mondo che ci circonda”

Joseph Campbell

In ogni ambito della vita o del lavoro privilegiare un atteggiamento orientato al proprio percorso è importante perché ci permette:

  • di essere più focalizzati e diretti a ciò che ci sta davvero a cuore (avere una rotta),
  • di allargare gli orizzonti intravvedendo altre opzioni,
  • di aprirci a nuove possibilità, maggiormente adatte o sostenibili per noi,
  • di programmare – monitorare – aggiustare la traiettoria intrapresa,
  • di mettere a valore ciò che sappiamo far meglio,
  • di avere più fiducia in noi stessi,
  • di produrre scelte e azioni più intenzionali e consapevoli.

 

 

 

“La più grave delle trasgressioni umane? Il peccato dell’inconsapevolezza;
non essere all’erta, non essere completamente desti,
di fronte al mondo che ci circonda”

Joseph Campbell

NOI SIAMO IL FATTORE CHIAVE DI QUESTO PROCESSO

Dato lo scenario e le premesse con cui ci troviamo a vivere (e a lavorare), non possiamo permetterci di seguire una strada qualsiasi, ma occorre che ognuno di noi si costruisca proattivamente il proprio percorso.

Noi siamo il fattore chiave di questo processo, e sarebbe bene predisporsi a:

  • Puntare su noi stessi è il primo passo da compiere per prepararsi con consapevolezza al futuro,
  • Dedicare più attenzione al nostro agire, non facendosi distrarre da ciò che non ha valore per noi,
  • Conoscersi meglio per farci guidare dalle nostre vere priorità,
  • Prepararsi ampliando conoscenze e competenze.

 

E’ opportuno impegnarsi a costruire un percorso “a propria misura” capace di rispecchiare le nostre caratteristiche e risultare davvero significativo e sostenibile per noi. A seconda infatti del cammino che andremo ad intraprendere, andremo a fornire (o meno) significato alla nostra esistenza.

Ne deriva l’importanza di essere davvero focalizzati e centrati su di noi per portare alla luce la nostra vera vocazione e autenticità, e diventare persone appagate e felici.

Ed ecco quindi che solo chi saprà mettere a frutto il proprio talento (scoprirlo – valorizzarlo – condividerlo) attraverso il proprio percorso, farà della propria vita il suo “capolavoro”.

 

 Ciò che pensi diventi, ciò che senti attrai, ciò che immagini crei.

_Buddha_

Restiamo in contatto!

Privacy

METROPOLIlab
C.F. PLPLRA79B62G467H