Seleziona una pagina
Per essere i protagonisti del proprio viaggio dobbiamo avere una direzione verso cui andare…

Esiste un momento in cui ci si ferma a domandarsi “dove sto andando?”, “mi sento realizzato?”, “ciò che faccio riflette veramente ciò che voglio essere?” 

Ecco se anche tu ti sei posto queste domande, almeno una volta, allora sei nel posto giusto!

Qui ti propongo da dove iniziare, per incamminarsi sulla giusta rotta verso il percorso che ti consentirà di migliorarti e raggiungere i tuoi obiettivi.

 

strada
La vita è come un viaggio. Non esistono strade maestre, ognuno deve trovare (o crearsi ) il proprio percorso per godere di un’esistenza ricca di significato e appagante. Al mondo ci sono due tipologie di persone: quelle che continuano a vivere la vita così come viene, e altre che invece si pongono domande su come poter migliorare il proprio percorso lavorativo (o altri progetti) e si mettono alla ricerca del modo in cui riuscirci. Diventare parte attiva del proprio futuro significa essere pronti ad una trasformazione…che ci consentirà di apportare cambiamenti significativi nella nostra vita o carriera professionale.

LA CONSAPEVOLEZZA

Perché sì, alla base prima di tutto, dovrebbe esserci la consapevolezza (di volersi migliorare) che ci fornisce la spinta iniziale e che ci aiuta a predisporci ad eventuali cambiamenti. Altrimenti  se lasciamo prevalere l’inerzia, che ci caratterizza, difficilmente abbandoneremo la nostra confort-zone, ovvero quegli spazi e quegli atteggiamenti cui siamo abituati, dove ci sentiamo protetti e tranquilli. Se vogliamo davvero mirare a rendere la nostra vita una versione ancora migliore di quella che abbiamo, allora dobbiamo compiere alcuni passi che ci sposteranno da “dove siamo” e ci condurranno al punto in cui “vorremmo essere”.

LA TRASFORMAZIONE INIZIA DA NOI STESSI

Partiamo da un presupposto: nessuno avrà mai a cuore i nostri progetti di vita, e la nostra carriera lavorativa più di noi stessi. Ed è proprio da noi stessi che dobbiamo partire. Occorre focalizzarsi sulla nostra interiorità (per conoscere e padroneggiare le nostre risorse interiori) al fine di riuscire a costruire all’esterno il percorso che desideriamo e che sentiamo maggiormente in linea con le nostre inclinazioni, i nostri valori, le nostre aspettative. Nessuno può conoscerci meglio di noi e sapere cosa vogliamo.

Punto primo: sappiamo cosa vogliamo? E’ una domanda difficile, cui spesso non riusciamo a fornire una risposta univoca, concreta e completa. Ma non ti preoccupare, piano piano riuscirai a mettere a fuoco ogni dettaglio. L’importante è iniziare, attrezzandosi con ciò che serve per mettersi in “viaggio nella direzione giusta”, quella giusta per “te”.

COSA OCCORRE PER PREPARARSI AL VIAGGIO?

Abbiamo detto in primis la consapevolezza. E’ importante che tu sappia e ti capaciti del fatto che ciò che desideri può essere alla tua portata, dipende da te e da come riuscirai a cambiare la percezione di come vivi gli eventi, e di come organizzi le tue azioni. Tutti questi aspetti sono collegati. Per realizzare un progetto di vita soddisfacente è fondamentale integrare armoniosamente i diversi contesti di vita, il lavoro, i valori personali, le aspettative e i desideri e i molteplici ruoli che ricopri. Come? Allineando le nostre azioni (ovvero il nostro “fare”) con ciò che sentiamo incline a noi (il nostro “essere”). Abbiamo il potere di dare alla vita il significato che vogliamo, per riuscirci dobbiamo imparare ad allontanare ciò che ci distrae e ciò che non serve ai nostri obiettivi. Può sembrare banale ma quanto tempo dedichi alla tua formazione? Alla tua crescita come persona? A coltivare e a programmare la tua visione di vita e relative azioni?  Ecco questo è fondamentale: dedicare tempo, attenzione ed energie a noi stessi, che siano finalizzate a sviluppare il nostro percorso di crescita. Ovvero dedichiamo tempo, attenzione ed energia per crearci le condizioni migliori possibili per disegnare il nostro futuro.

Nella fase iniziale lavora sulla tua mente. Allenati a capire quali sono i tuoi valori, ciò che ti piace, ciò in cui credei e cosa ti riesce bene. Parti da qui per costruire la tua “visione” personale rispetto a cosa ti fa sentire bene, e quindi realizzato. Questo è il tuo punto di partenza: lavorare sul mindset, il tuo modello mentale. Se riuscirai a fare un buon lavoro la tua mente sarà in grado di sostenerti fornendoti le indicazioni più idonee affinché tu possa procedere nel modo più intenzionale e mirato verso la tua direzione.

DEFINISCI LA TUA DIREZIOINE

Una volta capiti quali siano i tuoi valori fondanti, che ti definiscono come persona, arriva il momento di impostare “la rotta” per dirigersi verso quelle attività ed esperienze che sono maggiormente utili per il tuo percorso di crescita. Si tratta di un processo continuo, abituati all’idea che la vita non è statica ed anche il tuo percorso è in continua evoluzione e come tale richiederà aggiustamenti e modifiche che, se opportunamente allenati, riuscirai ad improntare. In pratica, una volta messo a fuoco chi sei e cosa vuoi fare, occorrerà sapere cosa serve per raggiungere i tuoi traguardi. Questo comporta non solo un’apertura mentale ma anche un atteggiamento proattivo verso te stesso. A poco a poco, capirai l’importanza di costruirti la tua personale cassetta degli attrezzi arricchendola di conoscenze, strumenti, atteggiamenti, e competenze che troverai maggiormente utili ed efficaci. In pratica, indipendentemente dall’età che hai, e dal percorso scolastico svolto, ti accorgerai che risulterà strategico continuare a formarti in modo autonomo e focalizzati su ciò che è davvero utile per te. Nell’epoca attuale non esistono più percorsi di studio o di carriera “lineari” (come una volta), ma ci saranno sempre più percorsi in evoluzione che ognuno “si crea e si adatta” alle proprie esigenze. Chi saprà cogliere il valore di questo approccio acquisirà un vantaggio strategico, soprattutto in ambito lavorativo, dove sono richieste sempre più figure in grado di adattarsi, flessibili e aperte al cambiamento. In una parola lavoratori dotati di spirito “imprenditivo” (che è diverso da “imprenditoriale”. Con il termine “imprenditorialità” si intende: l’insieme di competenze e qualità necessarie per creare e condurre un’impresa; con “imprenditività”, invece, si fa riferimento in senso più ampio al saper agire con spirito d’iniziativa e sviluppo di competenze volte a vincere le sfide che i propri progetti di sviluppo – professionali e personali – presentano.)

Ed è qui che si gioca tutto.

La capacità di critica di compiere queste scelte, che ci allenano per costruirci un futuro migliore, dipende da noi. Nessuno ci insegna che avere una lucida visione di ciò che siamo e che facciamo, è la chiave per un agire intenzionale e consapevole. Se non siamo noi stessi attenti e proattivi nel diventare ciò che vogliamo richiamo di vivere una vita “preconfezionata” o, peggio ancora, di accettare che qualcun altro decida per noi.

L’IMPORTANTE è PARTIRE

Una volta stabilita la direzione ( per puntare a ciò che volete essere) e appresi gli strumenti che vi potranno servire, è importante mettersi in viaggio.

Cosa significa nel concreto? Iniziare ad agire. E’ arrivato il momento per te di sperimentare, provarci… avvicinarti o crearti le situazioni che ti permettono di toccare con mano ciò che davvero vuoi fare e per cui vuoi essere apprezzato. Non si può aspettare che qualcuno creda in noi (e ci venga a “cercare”) se prima di tutto non siamo noi stessi a credere in ciò che facciamo! Dunque: fare, agire, compiere i primi passi ci farà avvicinare alla meta. E’ un percorso! Quindi sono ammessi errori e fallimenti, anzi questi sono momenti preziosi per rivedere cosa non è andato bene, e ripartire…riprovarci. E’ ammesso modificare strada in qualsiasi momento, ma mai arrendersi. Arrendersi significherebbe una vera battuta d’arresto.

La chiave dunque è: iniziare ad agire.

Comportarsi come fossimo esattamente ciò che vorremmo diventare. Bisogna crederci e avere il coraggio di provarci, procedendo a piccoli passi, anche quando non ci sentiamo perfettamente all’altezza (il coraggio è nostro alleato, ci permette di superare le nostre resistenze, le nostre paure limitanti). Più insistiamo nel perseguire ciò che desideriamo, più risulteremo incisivi nel nostro percorso.

Cosa puoi fare subito? Ecco 3 consigli per te:

  • Continua a seguire gli argomenti che propongo nei miei articoli di Blog, ed invia (sotto) la tua mail di contatto. Entrerai così a far parte della community di Metropoli Lab il cui motto è: #FaiDiTeilTuoCapolavoro.
  • Prenditi qualche minuto del tuo tempo per riflettere su quanto appena letto. A questo punto, ti suggerisco di scrivere su un foglio quali sono i tuoi valori (cosa ti motiva ogni giorno?) e i tuoi obiettivi (cosa desideri ottenere? Chi davvero senti di essere?). Queste prime informazioni sono preziosissime per avere un’idea generale sul tipo di vita che vorresti avere: determinano il tuo punto di partenza. Poi, a parte, stila una lista di ciò che, secondo te, potrebbe servirti per migliorare il tuo piano per il futuro, metaforicamente il tuo personalissimo “viaggio”, ad esempio: quali competenze, abilità, risorse o strumenti ti servono? Oppure quali hai già che potresti potenziare?
  • Se questi temi ti hanno appassionato -o anche solo incuriosito – ecco un libro che ti suggerisco di leggere: “COME OTTENERE IL MEGLIO DA SE’ E DAGLI ALTRI” di Anthony Robbins. Una piccola guida che ti introduce all’approccio più indicato per dare avvio, o per perfezionare, il tuo “viaggio” di miglioramento come persona e come professionista.

Restiamo in contatto!

Privacy

METROPOLIlab
C.F. PLPLRA79B62G467H